Probabilmente per i più giovani il nome Mauro Coruzzi è meno eloquente del nome Platinette, ma potremmo dire che sono i due volti della stessa medaglia. Il primo è la persona, la seconda il personaggio. Ironico, pungente, teatrale, non ha mai avuto timore di andare controcorrente o di esporsi nei modi più insoliti e originali: Platinette ne è una dimostrazione concreta. Negli anni, sono stati tanti i momenti di cambiamento che ha vissuto e che ha condiviso, e tra questi uno dei più importanti è di certo la dieta che ha fatto qualche tempo fa, una drastica perdita di peso che gli ha permesso di perdere oltre 70 kg e di iniziare una nuova vita e di guarire da una relazione tossica con il cibo. 

Mauro Coruzzi

Il vero nome di Mauro Coruzzi, o meglio il suo nome completo, è Maurizio Umberto Egidio Coruzzi. È nato a Langhirano, in provincia di Parma, nel novembre del 1955 e dagli anni Settanta ha lavorato come giornalista, conduttore radiofonico e televisivo, attore, doppiatore e autore televisivo. 

Il successo da Costanzo 

Il vero successo con il grande pubblico però è arrivato alla fine degli anni Novanta quando Maurizio Costanzo – che in quanto a persone di temperamento e a personaggi caratteristici ha dimostrato molte volte di avere intuito e lungimiranza – lo ha voluto come ospite fisso al Maurizio Costanzo Show. Lì, nei panni di Platinette, si è fatto notare per i suoi interventi taglienti, per la sua sfrontatezza e per la sua profondità oltre, ovviamente, per l’eccentricità del make-up, per gli abiti ricoperti di strass e lustrini e per le voluminose parrucche biondo platino.

Gli anni Duemila 

Dopo essere diventato un volto noto della tv grazie a Costanzo, Mauro Coruzzi ha proseguito la sua carriera sia in radio che in tv. In radio ha condotto per molti anni Platinissima, un programma mattutino tutto suo dai microfoni di Radio Deejay, per poi lavorare in tv alla conduzione di programmi come Bisturi! Nessuno è perfetto e come opinionista ad Amici di Maria De Filippi, a Buona Domenica e a Domenica Cinque.

Nei panni di un cartoon 

In un’intervista di qualche tempo fa, Mauro Coruzzi ha raccontato la sua relazione con Platinette, una sorta di suo alter ego in versione cartoon. Ha detto: “Ho creato un cartone animato, l’ho indossato e abbiamo fatto carriera”. Un’intuizione che gli ha permesso di rompere gli schemi e di fare e dire esattamente ciò che voleva. 

“Omofobo” e “fascista retrogrado” 

Nonostante Mauro Coruzzi sia un personaggio eclettico, dichiaratamente omosessuale, la prima drag queen ad aver calcato i palcoscenici della tv italiana, non sono pochi gli insulti che gli sono stati rivolti. Nelle settimane di fermento per la (mancata) approvazione del ddl Zan, l’aver espresso delle considerazioni diverse dalla moltitudine che ne chiedeva l’approvazione gli è costato appellativi come “omofobo” e “fascista retrogrado”.

Coruzzi, la Meloni e l’Italia omofoba

Inoltre, ha dichiarato di non avere dubbi sulla necessità di una legge che punisca le discriminazioni, ma che a suo parere il ddl proposto era mal posto. Per chiarire ancor più la sua posizione, ha accettato persino un invito che Giorgia Meloni gli ha rivolto personalmente e che lui ha accettato. Ha partecipato ad Atreju dove, con sua grande sorpresa, ha trovato ad attenderlo “una platea molto rispettosa e interessata”. Qui ha parlato della legge che non l’ha convinto, dei femminicidi che sono scomparsi dalle agende elettorali (ma che continuano a far registrare numeri raccapriccianti) e soprattutto ha detto che “i diritti non possono essere appannaggio della sinistra, non possono diventare un punto identitario di una parte politica. I diritti non sono ideologici: sono diritti”.

La svolta 

Qualche tempo fa Mauro Coluzzi/Platinette ha annunciato di aver bisogno di una pausa per prendersi cura di sé e per curare i suoi disturbi alimentari. Sui social ha anche postato alcune foto “prima-dopo” in cui il suo cambiamento era profondo ed evidente. Ha raccontato di aver avuto problemi di alimentazione compulsiva e di essere arrivato a un punto critico, dove gli era difficile persino camminare. Su forte consiglio medico ha deciso quindi di prendere in mano la sua vita e di rimettersi in forma. 

L’intervento e la dieta

Dopo un periodo di assenza, è tornato nel mondo dello spettacolo sfoggiando un fisico decisamente dimagrito e molto più in salute rispetto a prima. Si è sottoposto ad un intervento di chirurgia bariatrica, ha rivoluzionato il suo rapporto con il cibo e dopo aver perso oltre 70 kg, ha iniziato una nuova vita. 

Di news